10 ragioni per dire no ai “soldi facili” nell’era del web

Un’idea abbastanza buona, un sito web che la realizzi e due soldi da investire nel progetto. Oggigiorno sotto quale forma si presenta l’antico mito dei soldi facili?

sito-web-inutile

Il vecchio desiderio inconfessato

Una comoda via di fuga che ci porti lontano dallo stress quotidiano, che ci conduca lontano da un lavoro duro e insoddisfacente. E’ questo il desiderio inconfessato di molti. E in periodi di crisi economica, come quello attuale, certe pulsioni non fanno che aumentare. Sto parlando di chi è costantemente alla ricerca della ricchezza facile e veloce.

Dalla valigia di cartone al sito web

Questa affannosa ricerca della ricchezza facile è vecchia quanto il mondo. Pensiamo ai tempi dei nostri bisnonni. Nei primi del 900 molti di loro partirono direzione oltre oceano, con la semplice speranza di una vita migliore per se e per i propri figli. Allo stesso tempo tanti bramosi di soldi facili partirono con la convinzione che l’unico sforzo da fare fosse quello di imbarcarsi, il resto l’avrebbe fatto il destino. Inutile dire come sia finita. Mentre i primi l’America l’hanno realmente trovata, sudandosela dollaro su dollaro, i bramosi di successo facile hanno trovato delusione e guai.
Oggigiorno l’idea dei soldi facili si muove ancor più subdolamente. Mentre anni indietro la “ricerca dell’opulenza” imponeva anche scelte radicali, come quella di cambiar paese, oggi sembra non chiedere niente più che un computer e una connessione ad internet. “La rete delle grandi opportunità”.

L’idea rivoluzionaria…tipo facebook

Negli ultimi mesi ho ricevuto diverse richieste di preventivo per la realizzazione di siti web / applicazioni web che, sfruttando un’idea, a detta del committente rivoluzionaria, avrebbero garantito guadagni record con sforzi minimi. Quello che percepisco ogni volta di fronte a questo tipo di richieste è un’enorme tasso di avventatezza. La corsa veloce al guadagno offusca il ragionamento e ci distoglie da tutto ciò che conta. Siamo focalizzati sul risultato e non poniamo attenzione al percorso da fare per arrivarci. E poi come se non bastasse, ad amplificare certe pulsioni c’è l’eccezione che fa notizia. Quella del ragazzo giovane che inizia per gioco a progettare un sito web per il proprio college e si ritrova a comprare applicazioni da miliardi di dollari. Quello di facebook! (cit.)

10 buone ragioni per stare lontano dai “soldi facili”

Non c’è nulla di male nell’avere voglia di successo e di benessere. Non c’è nulla di male nemmeno nell’essere realisti e coerenti con le proprie capacità. Data la mia esperienza nel settore web mi permetto di suggerirti 10 ragioni per non cedere alla tentazione dei soldi facili:

  1. Il web è spietato ed hai solo due scelte: o la tua idea è originale o ti impegnerai per realizzarla meglio di chiunque altro. Le vie di mezzo sono fallimenti annunciati.
  2. Tieni a mente che le idee milionarie consegnate alla storia non nacquero con lo scopo di far diventare ricco qualcuno.
  3. Quanto denaro vuoi investire nella tua idea? Se la risposta è poche migliaia di euro, togliti dalla testa un futuro in costume e mojto su una spiaggia caraibica.
  4. Se l’ingrediente più importante della tua idea è l’avidità piuttosto che la passione…abbandona tutto.
  5. Il web è un’opportunità grande per persone consapevoli, non è “un gratta e vinci”.
  6. Se tutti coloro che ti sono vicino giudicano molto positivamente la tua idea per fare “soldi facili” allora è probabile che non sia un’idea così buona. D’altro canto negli anni 90′ chi avrebbe giudicato utile un telefono in grado di fare delle fotografie e di condividerle con il mondo in pochi secondi?
  7. Ricorda che il web offre innumerevoli possibilità ma anche innumerevoli concorrenti.
  8. Sii onesto con te stesso poiché la concorrenza nel web è tale da richiedere enormi capacità. Le possiedi?
  9. La passione per i soldi è una malattia che paradossalmente limita le tue possibilità di guadagnarne molti.
  10. I soldi facili non esistono!

Due storie a confronto

Il web è realmente il paese delle grandi opportunità ma, come ci insegna la storia, le opportunità sono come una pianta che va annaffiata tutti i giorni e accudita durante tutta la sua vita. Piantarla nel terreno e limitarsi ad aspettare i frutti non è una grande strategia. Dunque a proposito di “soldi facili e/o successo” mi è capitato di leggere due libri molto interessanti. Parlano di due personaggi affascinanti seppur decisamente diversi fra loro. Il primo traccia l’identikit del celebre Steve Jobs, mentre il secondo racconta la storia di Carlo Ponzi e del suo famoso schema Ponzi.
Fanne tesoro.

Post author

Classe 1982, diplomato nel 2001 e laureato in Informatica nel 2005 all'Università  degli studi di Perugia. Da sempre appassionato delle materie scientifiche ha sviluppato negli anni molta esperienza nella programmazione web. Autore di diversi lavori ha iniziato nel 2012 la sua carriera di freelance. E' impegnato attualmente nello sviluppo di importanti progetti di ecommerce.

Leave a Reply