Il tuo sito web è inutile

Dai, non prendermi alla lettera. Non conosco quali risultati hai ottenuto grazie al web . Di sicuro, le statistiche non mentono: la maggior parte dei siti sono inutili. Dunque, cos’è che fa la differenza tra un sito web profittevole ed uno inutile?

sito-web-inutile

La febbre del sito web

Tanto per essere chiari: internet è il mercato più florido che esiste e avere un buon sito web è il miglior investimento che tu possa fare. Tuttavia nella maggior parte dei casi questo non è sufficiente a fare di te un Paperon de’ Paperoni. Sembra un concetto scontato ma ti garantisco che non lo è. Difatti nei primissimi anni 2000 c’è stata una vera e propria “febbre del sito web”. Secondo la diceria di allora, bastava essere online per fare affari d’oro. In pieno stile “arraffa arraffa”, molti avventurieri del settore, sedicenti esperti del web, si sono accaparrati la loro fetta di torta. Dopo 10 anni il risultato è il seguente: un mercato pieno di clienti delusi, scontenti e soprattutto scettici. Scettici rispetto al web e rispetto le nuove forme di commercio. Questo perché non è ancora chiaro un concetto:

il web è in ascesa costante e se tu non stai crescendo con esso e grazie ad esso…il problema è come ti poni sul web, il problema è il tuo sito!

Come testare l’utilità del tuo sito web (in 20 domande)

  1. Il tuo sito web è presente nei motori di ricerca, almeno ricercando il nome stesso dell’azienda?
  2. La grafica è accattivante e comunque in linea con i contenuti?
  3. Si può navigare facilmente all’interno del sito web?
  4. E’ compatibile con tutti i browser (Internet explorer, Chrome, Firefox, Opera)?
  5. Il tuo sito web è responsive (ha una veste grafica anche per tablet e smartphone)?
  6. Si carica velocemente?
  7. Ha un aspetto professionale?
  8. La pagina contatti è facile da consultare?
  9. Ci sono dei numeri di telefono da chiamare?
  10. C’è una mappa in cui viene mostrata la geolocalizzazione della tua attività?
  11. L’indirizzo email riportato nei contatti e presidiato costantemente?
  12. Puoi aggiornare autonomamente i contenuti del tuo sito web?
  13. Aggiorni (o fai aggiornare) i contenuti ogni settimana?
  14. C’è un blog nel tuo sito web?
  15. C’è la possibilità di iscriversi ad una newsletter?
  16. Prova a guardarlo con gli occhi di un potenziale cliente. E’ un sito che vorresti navigare?
  17. Gli utenti possono condividere sui social delle informazioni riguardo la tua attività?
  18. I contenuti testuali sono coinvolgenti?
  19. Sai quale tipo di utenti frequentano il tuo sito?
  20. Conosci le statistiche di accesso al tuo sito web (orari di punta, giorni con più visite)?

Se non hai risposto “si” ad almeno 14 domande non puoi aspettarti grandi risultati dal tuo sito web.

C’è una soluzione

Contattare un professionista del settore è l’unica soluzione al problema. L’unico modo per cambiare marcia. Molti prima di te hanno deciso di investire seriamente nel web e stanno avendo i risultati che meritano. Io sono a tua disposizione per qualsiasi esigenza, senza impegno potrò analizzare le tue pagine online e capire insieme eventuali modifiche / strategie da affrontare. Parliamone.

Post author

Classe 1982, diplomato nel 2001 e laureato in Informatica nel 2005 all'Università  degli studi di Perugia. Da sempre appassionato delle materie scientifiche ha sviluppato negli anni molta esperienza nella programmazione web. Autore di diversi lavori ha iniziato nel 2012 la sua carriera di freelance. E' impegnato attualmente nello sviluppo di importanti progetti di ecommerce.

Leave a Reply