Perché è importante avere un blog

Il blog è uno strumento molto potente che può cambiare radicalmente il tuo modo di “essere” nel web. Ti dico perché e soprattutto ti spiego come.

sito-web-inutile

Se vuoi farti conoscere, devi prima esistere

Essere o non essere? La domanda, in questo caso, è di facile risposta. “Essere” è un ineludibile presupposto per qualsiasi attività legata al web, e non solo ad esso. Poniamo per un attimo l’attenzione al significato dell’espressione “essere sul mercato”. E’ un’espressione spesso abusata in special modo da chi, per il solo fatto di possedere un sito web, crede di sedere su un biglietto vincente della lotteria. In realtà il verbo “essere” porta con se un dinamismo che non può esaurirsi in 4 pagine web una tantum. Occorre molto di più per affermare la propria esistenza su un mercato, occore lavorare costantemente e aggiornare se stessi ogni giorno.

Il blog per “essere sul web”

Il blog non è il solo strumento utile allo scopo “essere sul web” ma di certo è uno dei principali. Vediamo perché:

  1. E’ risaputo, ma vale comunque la pena ricordarlo, che un blog aumenta la tua presenza sul web anche dal punto di vista SEO. Più pubblichi, più verrai preso in considerazione dagli spider dei motori di ricerca.
  2. Il blog ti permette di stabilire un rapporto fiduciario con i tuoi clienti, i quali oltre ad apprezzare le tue capacità, potranno contare sulla tua competenza in ogni momento.
  3. Inoltre il blog è un modo per umanizzare la propria web-identità, per farsi conoscere per quello che siamo realmente. La scrittura diviene un luogo d’incontro particolarmente caro a tutti quegli utenti (solitamente over 50) che mal digeriscono la freddezza di questi tempi digitali.
  4. Con l’aiuto dei social potrai diffondere velocemente i tuoi post e farli leggere a tante persone. Questo aumenterà le visite del tuo sito web ed è un modo eccellente di promuovere la tua attività.
  5. Ricorda che chi insegna, impara. Nel mettere nero su bianco quello che è di tua conoscenza non fai altro che rivangare concetti e rinfrescarli. Tu sarai il primo utente a godere del tuo stesso blog.

Come gestire un blog?

  1. Non ti nascondo che avere un blog è un impegno. Va aggiornato periodicamente e frequentemente. Tuttavia evita di scrivere se non sei veramente desideroso di volerlo fare. Un blog approssimativo e spassionato è peggiore della sua assenza.
  2. Qualcuno potrebbe obiettare dicendo che sul web c’è già tutto! Sbagliato. La tua persona e la tua autenticità sono quello che servono alla rete per crescere. Non serve vomitare in un blog una serie di scontatezze e dati tecnici reperibili ovunque. Serve il tuo punto di vista, la tua autenticità e la tua esperienza che nessun altro potrà dare se non te.
  3. Una volta che sei riuscito a far emergere il tuo essere, tieni d’occhio la grafica del blog. Deve essere in linea con il tuo stile ma deve anche rispettare dei canoni di leggibilità, altrimenti sarebbe tutto inutile. Interlinea, paragrafi, sottotitoli ed immagini hanno il loro perché. Si legge bene su smartphone e tablet (ricorda il responsive)?
  4. Dai la possibilità a chi ti legge di poter condividere i tuoi post tramite i social. E’ fondamentale essere presenti su piazze così frequentate.

Non hai un blog ma vuoi rimediare?

Se non sai da dove iniziare, oppure hai un sito web ma non hai un blog, contattami e studieremo insieme un percorso che ti porti ad “essere” anche nel web. Cosa stai aspettando?

Post author

Classe 1982, diplomato nel 2001 e laureato in Informatica nel 2005 all'Università  degli studi di Perugia. Da sempre appassionato delle materie scientifiche ha sviluppato negli anni molta esperienza nella programmazione web. Autore di diversi lavori ha iniziato nel 2012 la sua carriera di freelance. E' impegnato attualmente nello sviluppo di importanti progetti di ecommerce.

Leave a Reply